BAGNO DI GONG D'AUTUNNO a Tricesimo - Centrolos.it
Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

22 settembre

BAGNO DI GONG dell’EQUINOZIO D’AUTUNNO
con Marina Forte

Partecipazione aperta a tutti a offerta libera

Venerdì 22 settembre ore 21

Tricesimo (Udine) – Centro CHA – Creative Healing Arts, via San Giorgio, 44

 

BAGNO DI GONG dell’EQUINOZIO D’AUTUNNO

Bagno di gong d'autunno

Bagno di gong d’autunno

 

Significato delle celebrazioni dell’equinozio d’autunno

La celebrazione dell’Equinozio d’autunno ha, nella maggior parte delle culture, un carattere meditativo anche se non passivo, di bilancio e di presa di coscienza che proietta verso il ringraziamento, la speranza e l’attesa per un nuovo ciclo propizio. Tutte le celebrazioni del periodo che va dall’Equinozio di Autunno al Solstizio d’Inverno, hanno a che fare con il mondo oscuro del buio, dei morti, dell’aldilà  presso il quale i vivi non possono agire direttamente se non con una presa di coscienza della dimensione invisibile che esiste parallelamente alla vita contingente.

In realtà questi culti rivelano anche come l’osservazione dei cicli naturali attraverso il lavoro agricolo avesse portato all’uomo una nuova speranza di vita oltre la morte.

Associati all’idea di morte e di trasformazione delle forme vitali attraverso la loro rinascita, sono anche tutti i rituali che riguardano o coinvolgono le operazioni di raccolta, spremitura, fermentazione del vino, analogia del ciclo vita-morte-trasmutazione o passaggio ad una nuova vita. Il ciclo dell’uva e la trasformazione in vino ricordano infatti la vita transustanziata in nuove forme, per questo il vino ricorre spesso anche nella simbologia cristiana come sangue di Cristo, ovvero essenza che contiene lo spirito imperituro della vita. Proprio per questa connessione con le operazioni di produzione del vino, la vite venne già anticamente associata all’Albero della vita capace di collegare i due mondi e di attraversare le dimensioni garantendo lo scorrimento delle energie vitali.

Connessa ai significati dell’Equinozio è anche la festa dell’Arcangelo Michele ancora celebrata nelle campagne in molte regioni dell’Europa, specialmente nel sud dell’Italia. Arcangelo legato alla forza solare e al vigore marziale, Michele diviene sinonimo della volontà necessaria ad attraversare il buio della stagione invernale, della promessa e della speranza. Egli appare infatti nell’iconografia cristiana come difensore della Luce che con una spada in mano abbatte un mostro tellurico accasciato ai suoi piedi e simbolo delle forze ctonie del male. Nonostante dunque in questo momento dell’anno il vigore fisico della natura si affievolisca, l’Arcangelo Michele, festeggiato il 29 settembre, è un appello al coraggio, alla forza, alla sconfitta della paura che cresce con l’approssimarsi del buio e della stagione fredda. Egli rappresenta perciò la forza interiore di ognuno, capace di attraversare l’Abisso per ricominciare un nuovo ciclo.

 

IL BAGNO DI GONG

Il Bagno di Gong è una pratica di massaggio sonoro della durata di tre quarti d’ora durante la quale la/le persona/e vengono immerse completamente da un ricco campo di suoni armonici che portano ad uno stato di profondo rilassamento meditativo.

I partecipanti si stendono a terra su di un tappetino, preferibilmente coperti con un plaid, ma è possibile anche restare in posizione seduta.

La durata totale del Bagno di Gong è di circa un’ora e mezza e prevede: un’ introduzione, la preparazione, il Bagno di Gong vero e proprio, infine la parte di condivisione libera. Sono anche possibili delle sessioni individuali.

Durante il bagno di Gong, un magico mondo sonoro si apre portandoci oltre i confini del tempo e dello spazio. Le frequenze emesse hanno un effetto rigenerante, riequilibrante e trasmutativo, ogni singola cellula del corpo viene massaggiata dolcemente e stimolata a riarmonizzarsi. Vengono liberati blocchi e tensioni anche di antica data. Ritroviamo quindi la nostra armonia interiore e la gioia di vivere.

Quando ci abbandoniamo completamente al suono, questo effettua una profonda pulizia, rompe e demolisce ogni sovrastruttura che ci appesantisce, ogni barriera, il nostro corpo ricorda chi siamo. Veniamo portati in una dimensione oltre il tempo e lo spazio, possiamo sentire il nostro corpo sollevarsi, dissolversi o perderne completamente la percezione.

 

IL SUONO DEI GONG

Il suono dei Gong ha delle armoniche naturali, simili ai suoni che udiamo quando siamo immersi nella natura. Tutto in natura vibra ad una frequenza che ci fa sentire bene.

Le frequenze delle armoniche del suono dei Gong, si sommano e si sottraggono, arrivando a produrre onde di bassa frequenza, come il profondo alfa, di 8 cicli/secondo, che corrispondono ad una mente calma e ricettiva, acuta concentrazione e rilassamento vigile, fino alle onde theta, 4-7 cicli/secondo, della meditazione profonda, sogno lucido, visualizzazione e ispirazione creativa.

Le frequenze di 8Hz sono in grado di stimolare la ghiandola pineale o epifisi, permettendo quindi la produzione di ormoni come la somatropina, l’ormone della vita, la melatonina, che induce il sonno, la serotonina, che ha azione antidepressiva e aumenta le difese immunitarie. Si è scoperto che gli 8Hz sono anche un “vettore dimensionale” in grado di oltrepassare il tempo e lo spazio, superando così ogni barriera sia fisica che energetica

Viene anche stimolata la sincronizzazione tra i due emisferi cerebrali che incrementa la produzione di endorfine, sostanze endogene per ridurre il dolore.

I Gong Planetari, sono sintonizzati con la frequenza base del pianeta corrispondente. Questo si ottiene attraverso l’ “ottavizzazione”, cioè si dimezza la frequenza del movimento di un pianeta affinché si ottiene una frequenza udibile, come aveva scoperto Hans Custo, sono questi dei salti di un’ottava.

I Gong Sinfonici, producono molti armonici senza essere sintonizzati con un pianeta specifico ed ognuno è diverso dall’altro.

 

PER CHI: la partecipazione è aperta a tutti, anche a bambini

COSA PORTARE: tappetino, plaid, cuscino e bottiglietta d’acqua

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA a Marina 349.5253.517

2017 © | Centro Olos A.p.s. Associazione di Promozione Sociale per la Diffusione delle Discipline Olistiche C.F. 91073170937. Le attività di Centro Olos sono riservate ai soci. Sito web realizzato da Netcraft Studio.